Scubamonitor

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

 
 
 
 
 
________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
Marzo 2017
 
24/03/2017
Uno studio mostra come razze e squali percepiscono i campi elettrici
In un nuovo studio pubblicato online su Nature, i ricercatori della UC San Francisco hanno decodificato il mistero dell'organo elettrosensoriale di Leucoraja erinacea, attraverso una serie di esperimenti essi hanno identificato i meccanismi della elettro-sensorialità, dai geni, alla fisiologia cellulare, al comportamento.
________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
18/03/2017
Nuotare con gli squali: come può impattare questi animali?
Desiderosi di capire come le attività subacquee, in scale temporali pluriennali, influenzano il comportamento degli squali, gli scienziati della UC Santa Barbara e della Florida International University hanno cercato di trovare le risposte. Essi hanno scoperto che l'interazione uomo-squalo può avvenire senza effetti a lungo termine sugli squali. La loro ricerca appare nella rivista Marine Ecology Progress Series.
________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
La bomba a orologeria del cambiamento climatico
Un nuovo corsivo del Marine Board Science, prendendo spunto da un importante articolo pubblicato su Nature Climate Change, mette in discussione l'eccessiva enfasi nel dibattito politico a livello globale, di restringere gli impatti del cambiamento climatico come fenomeno esclusivo al 21° secolo. Essi sostengono che ogni incremento dell’anidride carbonica (CO2) da attività umane rimarrà nell'atmosfera e continuarà ad influenzare il clima della Terra per decine e centinaia di migliaia di anni.
________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
05/03/2017
A causa della mancanza di conchiglie è stato difficile studiare i cefalopodi nei reperti fossili. Ora un nuovo studio, condotto da ricercatori dell'Università di Bristol, per far luce sulle loro origini, ha mostrato come queste straordinarie creature si siano evolute confrontando i reperti fossili con la cronistoria evolutiva nelle loro sequenze di geni. 
________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
Febbraio 2017
 
28/02/2017
Secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista PLOS ONE i pesci lanterna (Anomalopidae) usano la bioluminescenza per localizzare e cibarsi delle loro prede planctoniche.
Il pesce lanterna (Anomalops katop) è uno dei molti animali che dimorano nell'oceano in grado di produrre luce propria bioluminescente utilizzando batteri simbiotici.
________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
21/02/2017
Creare spine dall’acqua di mare
Come, creature come i ricci di mare, catturano il calcio di cui hanno bisogno per costruire le loro rigide strutture? Un uovo studio getta nuova luce su questo mistero. Alcuni individui si rivestono di duri involucri e spine mentre, dagli stessi minerali, i vertebrati ricavano uno scheletro. Come ottengono questi animali il calcio di cui necessitano per costruire queste resistenti strutture minerali?
________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
In uno studio che può sembrare un nuovo allarme per i coralli in via di estinzione, i ricercatori hanno scoperto che le piccole aree marine protette basate sulle comunità possono essere particolarmente vulnerabili ai devastanti attacchi della stella corona di spine (Acanthaster plancii). I risultati, pubblicati sulla rivista PLoS ONE, non diminuiscono l'importanza delle aree protette, ma evidenziano una nuova minaccia che potrebbe emergere dalle zone degradate che spesso circondano ecosistemi sani.
________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
07/02/2017
I ricercatori hanno descritto un aspetto poco conosciuto ma affascinante del comportamento del granchio Libia, una specie che porta un anemone in entrambe le chele (un comportamento che gli è valso il nome di granchio “boxer” o “pom pom”). In una serie di esperimenti essi hanno mostrato che quando i granchi hanno bisogno di un anemone, lottano per rubarne uno da un altro granchio e quindi entrambi i granchi dividono in due il loro anemone creando cloni identici.
________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
Gennaio 2017
 
30/01/2017
Scoperto dai ricercatori del Monterey Bay Acquarium Research Institute (MBARI) il modo in cui si alimentano i calamari vampiro (Vampyroteuthis infernalis).
Un nuovo studio del MBARI mostra per la prima volta che, a differenza dei suoi consimili, i polpi e i calamari, che mangiano prede vive, il calamaro vampiro usa due filamenti filiformi per catturare frammenti di detrito organico che cade dalla superficie oceanica nel mare profondo. 
________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
Dicembre 2016
 
________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
Novembre 2016
 
 
 
 
 
________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
Ottobre 2016
 
28/10/2016
Studiata, per la prima volta in assoluto, l’evoluzione del veleno nei pesci ossei e cartilaginei.
Sentendo la parola veleno, la maggior parte delle persone pensa probabilmente ai denti di un serpente. Ma la capacità di produrre e iniettare tossine in un altro animale è così utile che si è sviluppata in numerose creature che vanno dalle meduse ai ragni, dai topi ragno all’ornitorinco maschio.

________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
Settembre 2016
 
 
 
 
 
 
 
 
 
________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
Agosto 2016
 
 
________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
Luglio 2016
 
 
________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
Giugno 2016
 
________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
                              TAGS

                                         acidificazione oceani    squali  cnidari Oceani simbiosi   
                               genetica   alghe   ecologia   molluschi  specie aliene   
                                  subacquea   fotosub   destinazioni sub cambiamenti climatici
                                    cetacei mediterraneo   news   scogliere coralline  
                              citizen science  shifting baseline poriferi crostacei virus 
                               plancton echinodermi ricerca rettili  mimetismo   
                                         vermi   ecosistemi mesofotici 
 
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu